La società di rilevazione Auditel è stata  una delle prime a certificare i dati grazie alla notarizzazione su Dedit. Già dal 2019, così, Auditel ha potuto rafforzare il processo di certificazione dei dati e dei processi gestionali per garantire maggiore trasparenza della propria attività, nonché rendere facilmente identificabile ogni tentativo di manipolazione e infine offrire alle autorità di vigilanza e di controllo un ulteriore strumento di garanzia e trasparenza.

 

Prima dell’estate, in occasione dell’entrata della società nel Global Compact delle Nazioni Unite e della certificazione ISO9001, che certifica la qualità delle procedure e dei processi alla base del sistema di gestione Auditel, si è tornati a parlare del loro progetto di notarizzazione che rende i dati inalterabili e fornisce trasparenza assoluta.  Nella lotta alla corruzione, uno dei principi universali promossi dal Global compact, la notarizzazione ricopre un ruolo fondamentale. 

Andrea Imperiali, presidente di Auditel, ha spiegato: “Questo metodo di certificazione del dato di origine, da cui prende avvio il processo di rilevazione e produzione dei dati di ascolto, costituisce la prova che lungo l’intero processo, anch’esso formalizzato in numerosi protocolli, il dato non possa venire in alcun modo alterato o manipolato. In qualunque momento infatti, anche a distanza di tempo, i dati di ascolto potranno essere riprodotti proprio risalendo ad un dato certificato e depositato in cassaforte”.

Leggi l’articolo completo qui

Close Bitnami banner
Bitnami